Top
La wishlist è vuota
Il carrello è vuoto
Prodotti: 0 Totale ordine: € 0,00
the brand:
GCDS
select your designer
  • A
  • B
  • C
  • D
  • E
  • F
  • G
  • H
  • I
  • J
  • K
  • L
  • M
  • O
  • P
  • R
  • S
  • T
  • U
  • Z
gcds_abbigliamento-uomo.jpg

   GCDS. Letteralmente “God Cannot Destroy Streetwear” o – in una delle mille interpretazioni - “Giuro che domani smetto”. Un linguaggio contemporaneo quello usato da Giuliano Calza, creative director di GCDS, che pervade le collezioni di questo brand, nato a Milano nel 2015, con il chiaro obiettivo di parlare, in modo diretto, ai suoi coetanei. Riuscendoci. Merito di un match perfetto tra ispirazione metropolitana e sartorialità italiana: felpe, t-shirt, bermuda, cappelli e zaini dai colori vitaminici, che giocano con patch e continue citazioni del marchio. In GCDS il logo torna a essere parte del design, come fosse un decoro o un abbellimento. Un inno allo streetwear, che interrompe, con una carica di energia e di irriverente ironia, anni di minimalismo e understatement. Particolare degno di nota: l’intera produzione dei capi è circoscritta alle città di Bergamo e Barletta.

 

Per la collezione Fall Winter 2020 di GCDS Giuliano Calza ritorna alle sue origini... Napoli, la città in cui è nato. 
"È essenziale possedere ciò che ci rende unici, perchè nessun altro condivide la tua stessa ricetta di ingredienti." da questa riflessione Calza ha iniziato la sua ricerca per la nuova collezione, presentando un mondo sorretto da unicità e divertimento ricco di riferimenti e varietà stilistiche. C'è una ricerca dei volumi anni '80 e '90 per la collezione donna l'ispirazione principale è l'estetica vintage della MTV generation mentre per quella maschile l'attitude è più streetwear. I cristalli Preciosa arricchiscono gli abiti il knitwear e gli accessori, tra cui la prima linea di occhiali firmati in co-lab con Marcolin Group. Leader delle partnership, GCDS ha stretto altre due collaborazioni con SSC (Società Sportiva Calcio Napoli) e Bialetti celebrando il caffè napoletano fatto con la moka, un oggetto iconico (nonchè l'invito ufficiale per lo show) che tutti gli italiani possiedono. Una collezione senza precenti che trasporta tutti nel magico mondo di Giuliano Calza.